• Dott.ssa Alessia Frasson

Gentilezza è forza


Essere gentili significa essere attenti, generosi, amichevoli:

è di certo un'ottima modalità di relazionarsi, ed è una grande forza.

Quando la gentilezza viene a mancare in una relazione,

inizia un lento ma inesorabile deterioramento della stessa.

Che cosa significa in termini pratici?

Gioire dei successi del partner, ad esempio, oppure dire ciò che si pensa in maniera gentile, dando anche delle alternative valide e non una critica fine a stessa.

Significa comunicare in maniera costruttiva, attiva e diretta,

senza lasciare nulla in sospeso.

Prima che a livello interpersonale, dobbiamo essere gentili con noi stessi. Solo allora riusciremo ad esserlo anche con gli altri.

Dagli studi di Gable e colleghi* risulta come la gentilezza sia il più forte predittore di una buona relazione.

In particolare lo stile comunicativo più funzionale per mantenere una relazione include un interesse forte, reciproco e stabile nel tempo dei partner.

L'interesse reciproco porta come conseguenza anche la voglia di trascorrere più tempo insieme, che a sua volta rinforza il rapporto attraverso la conoscenza e la condivisione.

Come ho già scritto in un precedente articolo, essere gentili significa prendersi cura giorno dopo giorno, solo così una relazione può crescere in maniera sana, durare nel tempo e arricchire le nostre vite di affetto e soddisfazione.

* Gable et al. (2006)

#relazioni #gentilezza #terapiadicoppia #forza #gentile #condividere #affetto #soddisfazioni

8 visualizzazioni

Copyright

Studio di Psicologia Dott.ssa Alessia Frasson Psicologa Libera Professionista Ordine Psicologi del Veneto n°7679 Albo sez. A - C.F. FRSLSS84P56G693K P. IVA 04793890288

Star Bene da Oggi in Poi

I contenuti del blog sono tutelati da copyright. Questo blog è curato al solo scopo informativo, In caso di citazioni parziali od errori di omissione restiamo a disposizione dei titolari del diritto di copyright. Quando è stato possibile sono state citate  la fonte delle opere e degli articoli riprodotti, ma in caso di citazioni parziali od errori di omissione si resta  a disposizione dei titolari del diritto di copyright per le opportune rettifiche ed integrazioni.