• Dott.ssa Alessia Frasson

"Dai! Tirati su!"


Per chi non ci è passato, è realmente difficile comprendere che cosa accada nel mondo di una persona depressa.

Ancora più difficile diventa quando la depressione viene etichettata quasi come una scelta volontaria e non per il disagio che è.

Non è curioso come nell'immaginario collettivo chi si stia curando per una condizione medica venga definito coraggioso mentre chi soffre di depressione o ansia venga percepito come debole?

Forse dovremmo rivedere il nostro modo di concepire le cose, forse dovremmo avere più consapevolezza e informazione rispetto a ciò che accade a livello mentale.

Uno dei miti è che la depressione coincida con la tristezza:

non è così.

Non basta dire ad una persona depressa "Dai! Tirati su!".

L'inglese ci offre una prospettiva interessante: ci sono due termini per definire la solitudine. Uno è "alone", che descrive un isolamento rispetto alla compagnia altrui, l'altro è "lonely", che esprime un tipo di solitudine legato alla tristezza e all'abbandono. E' proprio questa seconda connotazione che più ci aiuta a comprendere che cosa accada nel mondo della persona depressa.

I momenti di tristezza riguardano tutti noi, mentre gli episodi depressivi sono tutt'altra cosa in termini di durata e persistenza, e includono un senso di vuoto e solitudine che pervadono tutti gli ambiti della vita.

Per chi soffre di depressione anche le cose che sembrano le più semplici e banali diventano estremamente complesse.

In questi casi, uno dei lavori da cui personalmente inizio, riguarda il momento presente: spesso infatti chi è depresso tende a rimuginare molto sul passato, sul presente e sul futuro, facendo una gran confusione.

Un aiuto per rifocalizzare i nostri pensieri allora va ad agire in favore della diminuzione di quel vortice emotivo che genera sia ansia che depressione:

ansia nel momento in cui abbiamo il timore di non riuscire ad affrontare ciò che ci sta accadendo, depressione nel momento in cui di fronte a quella grande montagna fatta proprio di passato presente e futuro, ci sentiamo completamente inutili ed impotenti.

Durante il percorso psicologico si elaborano gli eventi che hanno portato alla depressione, e si riceve un aiuto per cambiare o accettare le situazioni di vita che concorrono nel mantenere la situazione problematica.

Si comprendono e si imparano nuove strategie per identificare e prevenire gli episodi depressivi, in modo che in futuro non si ripresentino.

Perché non basta dire ad una persona depressa "Dai, tirati su!".

#depressionepostparto #depressione #terapia #percorsopsicologico #meccanismipsicologici #consapevolezza #consulenza #tristezza

7 visualizzazioni

Copyright

Studio di Psicologia Dott.ssa Alessia Frasson Psicologa Libera Professionista Ordine Psicologi del Veneto n°7679 Albo sez. A - C.F. FRSLSS84P56G693K P. IVA 04793890288

Star Bene da Oggi in Poi

I contenuti del blog sono tutelati da copyright. Questo blog è curato al solo scopo informativo, In caso di citazioni parziali od errori di omissione restiamo a disposizione dei titolari del diritto di copyright. Quando è stato possibile sono state citate  la fonte delle opere e degli articoli riprodotti, ma in caso di citazioni parziali od errori di omissione si resta  a disposizione dei titolari del diritto di copyright per le opportune rettifiche ed integrazioni.